Viva la rosa e altre storie – 2016

Un viaggio musicale che ripercorre la produzione del chitarrista e compositore genovese Vittorio Centanaro.

Con Michela (chitarra) e Valentina Centanaro (voce), Stefano Cavallo (basso), Maria Giulia Mensa (voce), Giovanni Parodi (chitarra) e Antonio Fantinuoli (violoncello).

In scena: Lunaria Teatro – Festival in una notte d’estate (luglio 2016)

Un viaggio musicale che ripercorre la produzione del chitarrista e compositore genovese Vittorio Centanaro e ci ricorda le sue più significative collaborazioni, dai brani del disco Viva la Rosa con Luciano Noel Winderling del 1970, alle canzoni inedite del Concerto di Portofino del 1981 con i testi di Paolo Lingua, passando attraverso il ricordo delle interpretazioni di Daisy Lumini e ancora il ruolo che ebbe nel diffondere i temi sociali delle ballate tratte dai Cantacronache (1958) spesso eseguite nei suoi concerti e interpretate dalla moglie Giulia Lupi.

Il periodo di notorietà e di successo di Vittorio Centanaro comincia alla metà egli anni sessanta, quando si consolida il duo con Luciano Winderlingcon il quale – sotto la sigla Centanaro-Winderling e sino al 1972 – si esibisce al Teatrino di Piazza Marsala in una serie di spettacoli che suscitano curiosità ed entusiasmo: in essi si ripropone la poco conosciuta ricerca della colta ed elegante musica di corte, soprattutto d’ispirazione francese, dei troubador medievali, rinascimentale e barocca. I testi vengono tradotti e elegantemente riadattati dallo stesso Winderling e da Giulia Lupi, moglie di Centanaro. Nasce così il 33 giri di grande successo Viva la Rosa, pubblicato a Milano nel 1972 e che da decenni è esaurito e introvabile.

Un vasto universo musicale e un repertorio colto, leggero e drammatico ad un tempo, incentrato sul suo virtuoso temperamento di chitarrista classico ed arrangiatore e sull’inestinguibile curiosità di cercatore di motivi antichi, rinascimentali, della tradizione napoletana o francese e sudamericana e dei più significativi brani per chitarra classica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *