Artisti e collaboratori

 

VALENTINA CENTANARO

Nata a Genova nel 1974, fin da bambina studia canto e chitarra classica con il papà Vittorio. Si laurea in Lettere Moderne con una tesi sul Teatrino di Piazza Marsala. Insegnante di musica e tecnica chitarristica per bambini e ragazzi, frequenta a Roma un corso di psico-musica montessoriana ed insegna nella sezione Montessori dell’IC Castelletto. Dal 2011 con la sorella Michela ed altri musicisti interpreta, come cantante, il repertorio di Vittorio Centanaro nello spettacolo Viva la Rosa ed Altre Storie.


 

MARIA GIULIA MENSA

Nata a Genova nel 1991, si appassiona al canto e alla musica in adolescenza e studia tecnica del canto moderno per 8 anni con il maestro Dino Stellini. Si laurea in Psicologia all’Università di Torino e frequenta Canto Jazz al Conservatorio di Genova. Ha studiato con voci della scena jazz italiana quali Danila Satragno, Barbara Raimondi e Tiziana Ghiglioni, e con la cantante lirica Paola Pittaluga. Canta fin dall’adolescenza accompagnata dalla chitarrista Michela Centanaro, con repertori che spaziano dalla musica cantautorale italiana alla bossanova alla musica antica trovadorica, interpretando anche i brani di Vittorio Centanaro. Dal 2009 esegue concerti per Lunaria Teatro. Canta nell’orchestra jazz del Conservatorio Paganini di Genova. Oltre a numerosi ensemble si esibisce in duo con il contrabbassista e fisarmonicista Julyo Fortunato.


VIVIANE CIAMPI

Poeta, traduttrice, autrice di canzoni, è nata in Francia a Lione. Nella volontà di ripensare la lettura poetica intreccia spazi sonori tra poesie, poesie perfomative e voce cantata, mormorata, stratificata. Collabora dal 1998 come animatrice e traduttrice da e per il francese al Festival Internazionale di Poesia di Genova “Parolespalancate”. Partecipa a festival nazionali e internazionali (Printemps des poètes, La Rochelle, Poitiers, Rencontres des Suds, Voix Vives de Méditerranée en Méditerranée nelle versioni di Sidi Bou Saïd, Tunisia; Sète, Francia; Ramallah, Palestina). È redattrice per il magazine fili d’aquilone e altre riviste. Ha curato l’antologia Poeti del Quebec (2011) e un’antologia di poesie di Alda Merini (Le Castor Astral). Dei libri pubblicati l’ultimo è D’aria e di terra.


 

LETIZIA PANARELLO

Inizia giovanissima lo studio della chitarra classica con Vittorio Centanaro. Dopo essersi diplomata in canto lirico al conservatorio Niccolò Paganini si laurea in Lettere e si diploma in Canto Jazz. Svolge attività col gruppo polifonico Vox Antiqua e segue come allieva il corso di canto ed interpretazione jazz con Betty Ilariucci alla scuola del museo Jazz. Ha cantato in svariate formazioni e con Vittorio e Michela Centanaro. Insegna canto e attività musicale.


ROCCO MENNELLA

Alunno e allievo di Michela Centanaro, nel 1998 a soli 9 anni suona la chitarra e canta nella Turandot, primo di una serie ventennale di spettacoli per bambini organizzati per la scuola San Paolo di Genova. Negli anni partecipa a numerosi suoi spettacoli musicali per ragazzi. Si avvicina alla chitarra elettrica grazie ai maestri Andrea Maddalone e Danilo Bar, coltivando in parallelo la passione per il cantautorato. Comincia a comporre canzoni e a eseguirle in pubblico: nel 2011 presenta al concorso di poesia in musica Giuseppe Moretti organizzato da Dacia Maraini il suo adattamento musicale della poesia “Io voglio del ver la mia donna laudare”, arrivando secondo. E’ chitarra solista e seconda voce nell’ensemble di Michela Centanaro in numerose rassegne, tra cui le stagioni di Lunaria Teatro (“Mare di ieri e di oggi” e “Passeggiata a Spoon River”), il Suq di Genova e il concerto “Chitarra Centanaro” al politeama Genovese nel 2012. Nel 2015 organizza il concerto di beneficenza “Tra il tuo bene e il mio” per la società no profit RarePartners a favore della ricerca sulla Sindrome di Usher. In questa occasione presenta per la prima volta l’insieme dei suoi brani inediti, arrangiati dall’amico Guglielmo Cassinelli.


 

GUIDO LICASTRO

Inizia a suonare a sei anni, maestro il nonno. Si diploma come direttore di coro al conservatorio dove inizia lo studio dell’organo. Da oltre dieci anni suona in un gruppo musicale interdisciplinare che propone brani originali, mimo e recitazione. Ha registrato in due LP cantautorali come esecutore ed arrangiatore. Negli ultimi anni si è esibito con gruppi rock e blues come tastierista e pianista.


LUCA COLONIELLO

Nato a genova nel 1966, chitarrista elettrico, collabora da quando aveva 15 anni con musicisti liguri, suonando generi diversi e in particolare rock’n roll anni ’50, folk, country e ballads rock anni ’60 e ’70. Ha suonato anche liscio e musica tradizionale italiana, e artisti della beat generation tra cui Bob Dylan.  Tantissime le collaborazioni e le esibizioni, incluse quelle con Michela Centanaro.


GIOVANNI PARODI

Inizia a suonare da bambino e a 20 anni diventa allievo di Vittorio Centanaro innamorandosi della chitarra classica. Insegna musica alla scuola elementare. Dopo un viaggio in Andalusia inizia a studiare il flamenco a Torino con Marco Perona. Vive per 8 anni in Valle D’Aosta dove suona a lungo Manouche. Oggi è tornato alle corde di ferro nei suoni delle radici della musica americana.


LUCE TONDI

Storica dell’arte, cantante per passione, spazia dal repertorio francese anni ’50 alla canzone napoletana. Conosce poco più che ventenne Vittorio Centanaro, e con lui canta dai primi anni ’90. Oggi accompagna Michela con lo stesso repertorio, in continuità di affetti e di emozioni.


STEFANO CAVALLO (PEO)

Nasce chitarrista ma a metà degli anni ’90 passa al basso elettrico entrando nei Reunion, storica Beatles tribute band genovese con la quale partecipa a numerose trasmissioni televisive in RAI e Mediaset, ospite di Arbore, Barbareschi, Red Ronnie e altri. Registra un disco nei prestigiosi studi di Abbey Road a Londra. Dal 2003 entra nei Red Wine, la più prestigiosa bluegrass band europea con la quale gira in tour Europa e Stati Uniti, suonando con artisti del calibro di Tim O’brien, Doyle Lawson & Quicksilver,  Laurie Lewis e in prestigiosi festival tra cui ben tre volte all’Hardly Strictly Bluegrass Festival di San Francisco.



ANTONIO FANTINUOLI

Diplomato in violoncello, si perfeziona nell’esecuzione della musica antica con C. Coin. È tra i fondatori di Europa Galante ricoprendo dal 2010 il ruolo di primo violoncello, ha al suo attivo trent’anni di concerti in tutto il mondo e oltre 70 registrazioni. Chitarrista acustico autodidatta con tecnica fingerstyle, collabora con Michela Centanaro in Viva la Rosa ed Altre Storie ripercorrendo il repertorio di Vittorio Centanaro.


LANA GASPARIAN

Nata in Armenia da una famiglia di artisti (pittrice la madre, artista di teatro il padre) a 9 anni ha vinto il I° premio nel concorso regionale musicale per giovani talenti. Si esibisce con violino classico solista e in prestigiose orchestre in Italia e all’estero. Collabora con Michela Centanaro e Maria Giulia Mensa interpretando musica classica e pop. Ha conseguito il Diploma di Violino presso la scuola musicale per giovani talenti a Vologda (Russia), e il Diploma presso la prestigiosa The Gnesins Accademy di Mosca, specializzandosi con ViacheslavIgolinskij. E’ diplomata anche al Conservatorio Paganini di Genova. Ha frequentato corsi di qualifica e masterclass con musicisti di livello internazionale.


 

SERGIO ALEMANNO

Non ama le biografie. Tutto iniziò 50 anni con fa con “Strasse buttiggie e ravatti”, il resto lo ha fatto la storia, la gente, le emozioni.

 

 

 


GIORGIO CESARE NERI

Compositore, chitarrista, polistrumentista, ha all’attivo l’album progressive rock “Logos” per le labels Black Widow e Bloodrock. Tra i progetti, Pangea e G.C.Neri band, che ha condiviso il palco con Le Orme e Osanna. Ha insegnato musica privatamente. Tra le collaborazioni Don Falcone (Spirit Burning) e Daevid Allen (Gong). Oggi si esprime attraverso ZAT, trio d’improvvisazione praticata come reale flusso di coscienza. E’ interessato agli aspetti spirituali e filosofici del fare musica. E’ inoltre è fonico e light designer.

“Quando faccio i suoni per Michela cerco sempre di dimostrarle che le voglio bene facendo in modo che,con i mezzi a disposizione, loro possano ascoltarsi bene per restituire così la loro alchimia musicale all’audience.”


MATTIA CIUFFARDI

Batterista e percussionista classe 1990, impegnato nell’educazione e nell’insegnamento a bambini e ragazzi. Studia coi Maestri Alessandro Pelle e, dal 2015, Alfred Kramer presso il Conservatorio di Genova. Divide il palco con svariate ensemble genovesi e artisti di rilievo e partecipa a diverse rassegne come Teatro Lunaria (con Michela Centanaro), Festival Suq, Count Basie Jazz Club, Biennale dell’arte di Genova, Orchestra Jazz del Conservatorio Paganini. E’ membro della modern-swing band genovese Free Shots, di cui è batterista, autore ed arrangiatore. Del maggio 2017 è il disco d’esordio “Vorrei tanto dir”, presentato su numerosi palchi tra i quali Andersen Festival, Goa Boa Festival, JazzMi, Triennale di Milano, Swing Circus (Torino, Genova, Milano, Ferrara), Festival Espè, C’è Fermento Festival, Royal Swing Fest, Stagione musicale La Claque, Teatro della Tosse. Insegna batteria presso l’associazione Tum Ciak di Genova e collabora con l’associazione Trillargento, nel “Sistema delle Orchestre e dei Cori Giovanili e Infantili d’Italia”.


DELFINA PARODI

Nata nel 1991, violoncellista, si è diplomata al Conservatorio N. Paganini di Genova e ha conseguito il diploma di II livello al Conservatorio G.Verdi di Torino. E’ laureata in Conservazione dei beni culturali presso l’Università di Genova. Si è appassionata al teatro e alle arti circensi, in particolare all’acrobatica aerea specializzandosi in tessuto, corda aerea e trapezio fisso, con diversi maestri a Genova e a Torino. Si è occupata dell’aspetto musicale di spettacoli teatrali e circensi, collaborando con Circo Colibrì, Synergika e la Fucina del Circo. Insegna violoncello presso la Scuola Popolare di Musica di Torino e collabora in diversi progetti musicali.


JULYO FORTUNATO

Nato ad Osaka, di origine italo-giapponese, è musicista polistrumentista. Studia flauto traverso e pianoforte col maestro Mauro Barabino, poi si avvicina alla fisarmonica col maestro Gianluca Campi. Vive le prime esperienze musicali grazie alla Fortunato Family Band, con padre, madre e i tre fratelli. Al conservatorio di Genova studia contrabbasso per 5 anni per poi approdare al Jazz, che studia con il maestro Pietro Leveratto. Si esibisce in svariati generi, dal folk alla balkanica, dal rock progressivo alla musica elettronica sperimentale.


GUGLIELMO CASSINELLI

Polistrumentista e creativo, suona la chitarra nella modern swing band genovese di successo, i Free Shots, con i quali ha registrato e in parte composto e arrangiato il disco Vorrei tanto dir (2017). Ha collaborato con Michela Centanaro negli spettacoli legati a Spoon River, suonando il mandolino e il bouzuki irlandese. Ha arrangiato le canzoni inedite di Rocco Mennella (2016). Ha arrangiato e prodotto insieme a Giacomo “Giandil” D’Alessandro il disco folk cantautorale Andata e Ritorno (2015).

 


STEFANO GUAZZO

Sassofonista eclettico di impronta jazz, ha collaborato con Tullio de Piscopo, Maurizio Crozza, Danilo Madonia, Enrico Rava, Jon  Faddis, Johannes Faber. Fa parte del trio di Anna Barbera (in arte Sconsy) con la quale si esibisce nei più importanti teatri italiani. Collabora con Michela Centanaro nei concerti a tema bossanova.

 


GIACOMO D’ALESSANDRO

Camminatore, si occupa di comunicazione sociale e culturale, comunità e cammini. Ha studiato chitarra classica con il maestro Francesco Cotta e successivamente con Vittorio Centanaro, e chitarra acustica con Paolo Bonfanti. La maestra e cantante Sabrina Colombo lo ha introdotto al canto. Negli anni ha portato avanti diversi progetti di musica acustica:  l’album Andata e Ritorno ispirato a Tolkien e al mondo naturale (con Guglielmo Cassinelli, Jacopo Soler, Michele Gallina, Giuseppe Festa e altri musicisti); il progetto musicale AcusticLive (Francesco Rebora, Mattia Ciuffardi e diversi collaboratori) e altre ensemble. Fa parte del gruppo Lingalad con cui gira l’Italia suonando musica folk a sfondo ambientale. Dal 2012 propone spettacoli teatrali di letture e musiche, tra cui Coversazioni Notturne a Gerusalemme (tratto dall’opera del Cardinal Martini), Da Aggio all’inferno. E ritorno (su vicende partigiane genovesi), Passeggiata a Spoon River (con Michela Centanaro, per Lunaria Teatro nel 2014), Stella d’Italia (con Francesco Rebora al Suq Festival), L’andare profondo (con Joel Cathcart al Suq Festival) e spettacoli e reading con la Compagnia Giovani del Suq. Ha preso parte allo spettacolo Donne di Spoon River con  Michela Centanaro, prodotto da Lunaria Teatro per tre stagioni.

                                        ARIANNA MUSI

Nata a Genova nel 1987 inizia a suonare il violino a Bologna, frequentando una scuola media a indirizzo musicale; studia violino classico al Conservatorio di Parma e a quello di Bologna. Frequenta il mondo della musica folk e partecipa per  diversi anni ai corsi estivi dell’Associazione  Mustradem (Francia). Ha suonato musiche  tradizionali occitane con Gabriele Ferrero e si è esibita in festival folk in Italia, Francia, Portogallo con alcuni gruppi di musica  folk, tra i quali Stygens e Spakkabrianza.

Studia Architettura ed è allieva del corso di violino jazz del Conservatorio di Genova. Dal 2010  fa parte del gruppo musicale Vito e le Orchestrine, semifinalista  al Premio De André 2017 e protagonista del film-documentario Transumanza Tour. Ha partecipato a diversi spettacoli con l’Ensemble Jazz del Conservatorio N. Paganini.